Noi Spediamo
Consegna in 24/48 ore

LA RESPONSABILITA' MEDICA CIVILE E PENALE 2013 dopo il decreto Balduzzi

Stampa o scarica in PDF

LA RESPONSABILITA' MEDICA CIVILE E PENALE 2013 dopo il decreto Balduzzi

Altre info


Reparto Giuridico
Argomento Giuridico
Tipologia Libri
Autore Bona Marco
Editore Maggioli
Data Pubblicazione 21/mag/2013
Pagine 341
Edizione 1
Collana LEGALE CIVILE
N. Collana 124
Codice 9788838781162
Descrizione
L’opera, aggiornata alle recenti interpretazioni giurisprudenziali, tratta della responsabilità medica in ambito civile e penale alla luce del cosiddetto “Decreto Balduzzi”. La legge 189/2012 convertiva il decreto legge 158/2012 con un percorso parlamentare “anomalo”, come sottolineato e spiegato nei particolari dall’autore.
Si cerca, con un’analisi dettagliata e puntuale, di individuare le particolari novità introdotte dalla Legge Balduzzi per la soluzione delle problematiche pratiche nell’identificazione della responsabilità medica.
Si focalizzano le risposte ai molti dubbi applicativi della recente normativa individuando gli ambiti di applicazione ratione temporis, ratione personae e ratione materiae delle nuove disposizioni di riferimento.
Si individuano alla luce anche delle prime interpretazioni giurisprudenziali 2013 (Cassazione Civile, sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4030; Cassazione Penale, sez. IV, 24 gennaio 2013-11 marzo 2013) le possibili azioni di incostituzionalità della Legge 189/2012.
- La ratio legis della “controriforma” della responsabilità medica
- Il falso pretesto della lotta alla cosiddetta “medicina difensiva”
- L’illegittimità costituzionale dell’art. 3 del decreto-legge n.158/2012
- Il richiamo alle linee guida quale interpretazione corretta della norma
- I risvolti penalistici della nuova norma primo periodo dell’art. 3, comma 1
- L’esimente dalla colpa lieve nell’ipotesi di osservanza di linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica
- L’effettivo impatto “depenalizzante” della legge n. 189/2012 sulla responsabilità penale medica
- Le avventate ed infondate interpretazioni della norma nel senso dell’esclusione o della delimitazione dell’azionabilità delle pretese risarcitorie ex art. 1218 e 1228 c.c.
- L’infondatezza alla responsabilità da inadempimento in seno ai contenziosi per danni da prestazioni medico-sanitarie
- Il terzo periodo dell’art. 3, comma 1 e la sua inapplicabilità ai fini della quantificazione dei danni patrimoniali e non patrimoniali

Prezzo di listino: 32,00 €

Prezzo Scontato
30,40 €