Noi Spediamo
Consegna in 24/48 ore

IL CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DEGLI IMMOBILI

Stampa o scarica in PDF

IL CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DEGLI IMMOBILI

- Tipologie
- Leggi regionali
- Formulario
- Giurisprudenza

Volume con cd rom
Altre info


Reparto Tecnico
Argomento Tecnico
Tipologia Libri
Autore Montini Emanuele
Editore Maggioli
Data Pubblicazione 21/lug/2015
Pagine 236
Edizione 6
Collana EDILIZIA & URBANISTICA
N. Collana 34
Codice 9788891610423
Descrizione
Il ruolo normativo delle Regioni in materia di regolamentazione della procedura di mutamento di destinazione d’uso degli immobili è stato definitivamente sancito dal Testo unico dell’edilizia.
Questo volume, dopo aver analizzato le fattispecie di cambio d’uso partendo dalla legislazione nazionale, vigente in tutte quelle regioni che non ne abbiano approvata una propria e specifica in materia, presenta un quadro praticamente completo delle norme regionali attualmente in vigore, evidenziando le diversità vigenti fra regione e regione, per cui può accadere che un tipo di cambio di destinazione d’uso sia considerato abusivo in alcune regioni, mentre non lo è in altre.
Questa VI edizione del volume è aggiornata con le novità introdotte dal recente decreto Sblocca Italia, con la più recente giurisprudenza e con le più recenti normative regionali.
Il Cd-Rom allegato riporta il formulario indicizzato, costituito da facsimili relativi agli atti amministrativi di richiesta e autorizzazione (comprensivi delle nuove procedure CILA), al procedimento sanzionatorio in caso di abuso, al contenzioso giurisdizionale amministrativo. Contiene inoltre un’ampia appendice legislativa, con estratti sia della normativa statale di riferimento che delle principali leggi regionali in materia.

Capitolo I - La destinazione d’uso urbanistico
1.1 Introduzione. L’evoluzione normativa dell’istituto
1.1.1 Il cambio di destinazione d’uso secondo la legge n. 47/1985
1.1.2 Il regime del cambio di destinazione d’uso come modificato dalla legge n. 493/1993
1.1.3 Il mutamento d’uso secondo il t.u. dell’edilizia, come modificato dal decreto legge n. 133 del 2014 (c.d. “Sblocca Italia”)
1.1.3.1 Le nuove categorie funzionali
1.1.3.1.1 Le nuove categorie funzionali e gli oneri concessori
1.1.3.1.2 Le nuove categorie funzionali e i titoli abilitativi edilizi
1.1.3.1.3 Le nuove categorie funzionali e i cambi di destinazione d’uso abusivi
1.2 Le categorie di destinazione urbanistica degli immobili, rilevanti ex d.m. n. 1444 del 1968
1.2.1 La destinazione d’uso residenziale
1.2.2 La destinazione d’uso industriale
1.2.3 La destinazione d’uso commerciale e direzionale
1.3 La destinazione d’uso catastale: differenze

Capitolo II - Il cambio della destinazione d’uso nelle regioni che non hanno legiferato in materia. Tipologie, procedimento, sanzioni e sanabilità
2.1 Il cambio di destinazione senza opere (c.d. funzionale)
2.2 Il cambio di destinazione con opere di manutenzione ordinaria
2.3 Il cambio di destinazione con opere di restauro e di risanamento conservativo
2.4 Il cambio di destinazione con opere d’installazione di impianti tecnologici
2.5 Il cambio di destinazione con opere di ristrutturazione minori o maggiori
2.6 Le modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa, con o senza opere edilizie interne connesse
2.7 Il pagamento degli oneri di urbanizzazione in caso di cambio di destinazione
2.8 La commercializzazione degli immobili con destinazione d’uso variata

Capitolo III - Il cambio di destinazione d’uso in alcune regioni
3.1 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Lazio
3.1.1 Il caso Roma
3.2 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Basilicata
3.3 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Friuli-Venezia Giulia
3.4 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Emilia-Romagna
3.5 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Liguria
3.6 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Lombardia
3.7 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Siciliana
3.8 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Veneto
3.9 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Sardegna
3.10 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Umbria
3.11 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Marche
3.12 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Valle d’Aosta
3.13 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Calabria
3.14 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Toscana
3.15 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Campania
3.16 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Piemonte
3.17 Il cambio di destinazione d’uso nella provincia diTrento
3.18 Il cambio di destinazione d’uso nella provincia di Bolzano
3.19 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Abruzzo
3.20 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Puglia
3.21 Il cambio di destinazione d’uso nella regione Molise

FORMULARIO

I. ATTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO
I.1 Schema di permesso di costruire per lavori edili connessi al cambio di destinazione d’uso
I.2 Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (c.i.l.a.) per cambio di destinazione d’uso di immobili destinati all’esercizio d’impresa
I.3 Denuncia di inizio attività edilizia (d.i.a.) connessa al cambio di destinazione d’uso (ristrutturazione edilizia)
I.4 Segnalazione Certificata di Inizio Attività (s.c.i.a.) connessa al cambio di destinazione d’uso (restauro e risanamento conservativo)

II. IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER I CAMBI D’USO ABUSIVI
II.1 Verbale di contestazione di abuso edilizio
II.2 Comunicazione alle autorità competenti
II.3 Disposizione di sospensione dei lavori e dell’uso non consentito
II.4 Disposizione di demolizione dei lavori e di ripristino dell’uso urbanistico

III. IL CONTENZIOSO GIURISDIZIONALE AMMINISTRATIVO
III.1 Ricorso avverso il mancato rilascio di permesso di costruire per opere edili connesse a mutamento di destinazione d’uso
III.2 Ricorso contro l’annullamento della denuncia di inizio attività per opere interne connesse a mutamento di destinazione d’uso
III.3 Memoria di costituzione del Comune

APPENDICE NORMATIVA
– Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 – Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia edilizia (Testo A) (Artt. 1-51, 136, 137)
MASSIMARIO

Prezzo di listino: 28,00 €

Prezzo Scontato
26,60 €